Fammi essere ancora figlio

Fammi essere ancora figlio.
Solo una volta. Una volta sola.
Poi ti lascio andare.
Ma per una volta, ancora, fammi sentire sicuro.
Proteggimi dal mondo.
Fammi dormire nel sedile dietro il tuo.
Guida tu. Che io sono triste e stanco.
Ho voglia che sia tu a guidarmi, papà.
Metti la musica che ti piace.
Che sarà quella che una volta cresciuto piacerà a me.
Fammi essere piccolo.
Pensa tu per me.
Decidi tu per me.
Mettimi la tua giacca, che a me sembra enorme, perché ho freddo.
Prendimi in braccio e portami a letto perché mi sono addormentato sul divano.
Raccontami storie.
E se sei stanco non farlo. Ma non te ne andare.
Ho voglia di rimanere figlio per sempre.
Abbracciami forte come dopo un gol.
Dormi ancora, come hai fatto, per una settimana su una sedia accanto al mio letto in ospedale.
Rassicurami.
Carezzami la testa.
Lo so che per tutti arriva il momento in cui devi fare da padre a tuo padre.
Ma io non voglio.
Non ora.
Voglio vederti come un gigante. Non come un uccellino.
Non andare, papà.
Ti prego.
Fammi essere ancora figlio.
Fammi essere per sempre tuo figlio.

Gabriele Corsi

Vaccini: OBBLIGO, che disastro e che paura!!!

Ormai da diversi mesi sono alle prese con questo problema: vaccinare si oppure no. Una parte di me ovviamente tifa per il SI adducendo queste motivazioni:

  1. ci si puo’ ammalare e morire, e il vaccino potrebbe impedirlo
  2. i miei figi potrebbero ammalarsi,
  3. magari se mi vaccino io proteggo qualcuno che non puo’ farlo (immunita’ di gregge)

C’e’ pero’ un’altra parte, un po’ piu’ razionale, che si oppone e tifa per il NO:

  1. ci si puo’ ammalare e morire anche col vaccino, nessuno ci garantisce il contrario
  2. cosa cazzo c’e’ dentro un vaccino? nessuno ce lo vuole spiegare e soprattutto nessuno ci mostra bugiardini o scatole che contengono i vaccini…ci dobbiamo fidare e basta O_O
  3. l’immunita’ di gregge e’ la minkiata piu’ grossa che sia stata mai sparata sui vaccini per i neonati!
  4. le statistiche sul rapporto costi benefici dove cazzo sono? Non mi pare che siano a nostra disposizione in modo chiaro, semplice e facilmente raggiungibili, come mai?
  5. perche’ se mio figlio va alla scuola materna e’ obbligato ad essere vaccinato e invece se va alle elementari non e’ piu’ obbligatorio? che senso ha?
  6. se penso ai dubbi che esistono sull’insorgenza di alcune patologie autoimmuni, alcuni pensano che ci siano delle correlazioni. In ogni caso lo stato italiano ha gia’ dichiarato che alcuni vaccini somministrati ai militari negli anni passati siano stati poi la causa di malattie gravi.

Come si puo’ intuire sono favorevole al NON OBBLIGARE le persone a vaccinarsi, escludendo i casi di epidemie, chiunque deve essere libero di scegliere se vaccinarsi oppure no. Non sono di certo io l’unico a dirlo, anche i premi Nobel dicono piu’ o meno lo stesso, anche medici ed esponenti di spicco della medicina in Italia si esprimono in maniera negativa contro l’obbligo vaccinale.

Ma quindi perche’ devo obbligare mio figlio, un bambino di pochi mesi, all’obbligo vaccinale? Quali sono i vaccini che veramente possono essere d’aiuto e quelli si potrebbero evitare? In pochi vogliono rispondere a queste domande, ai dubbi concreti che io genitore mi pongo pensando alla salute dei miei figli.

Su alcune questioni mi so anche rispondere da solo, ad esempio: l’immunita’ di gregge. Questa e’ propria una fesseria totale, basti pensare che in ospedale (o qualunque altro luogo pubblico, scuola compresa) ci sono persone adulte non vaccinate. In generale ho capito che non sono molti i medici e gli infermieri che si vaccinano, come si puo’ leggere, perche’? (Cercare anche su Google: percentuale medici vaccinati).

Ma soprattutto: se e’ vero’ che l’immunita’ di gregge protegge alcuni bambini che non possono vaccinarsi, come mai l’obbligo scatta solo alla materna e all’asilo nido e non anche alla scuola dell’obbligo? non c’e’ piu’ il gregge li? A me e non solo a me, puzza di ricatto!

Ad ogni modo, come sempre Giulia Locati mi porta qualche notizia concreta sui vaccini, e anche qualche ricerca concreta.